6 consigli per migliorare il vocabolario

Questi sono metodi per migliorare e costruire il vostro vocabolario.

1. Scegliete un tema specifico per costruire il vocabolario

Scegliete un contesto o un argomento specifico, ad esempio sport o parole legate ai sentimenti e poi studiate le parole legate a questo argomento.

Le parole che descrivono le emozioni sono una scelta interessante, questo tema include parole come entusiasta ed emozionato. La categoria sport, invece, include parole come lancio, rigore o maratona.

Potete anche studiare parole “attraverso la città” ad esempio marciapiede, incrocio, semaforo; oppure parole legate alla vita di tutti i giorni, come il cibo disponibile al supermercato.

Qualsiasi argomento sceglierete, create storie nella vostra mente e raccontatele ad alta voce usando le parole legate all’argomento.

 

2. Consigli per ricordare facilmente le parole

Quando deciso le parole legate al tema, scrivetele o stampatele. Portate la lista sempre con voi. Anche nelle giornate più impegnative ci sono sempre delle pause ( quando siete sull’autobus, quando aspettate dal dentista, durante le pubblicità in tv, etc..), approfittatene per tirare fuori la vostra lista e ripassare le parole finché non vi sentirete a vostro agio a pronunciarle e riconoscerle. Potete anche scriverle su dei post-it e e poi applicare i post-it in luoghi in cui li potete vedere spesso (computer, armadietti, specchi, etc…), come promemoria.

Ricordare le parole è molto importante, ma come si fa? Cercate di associare ogni parole a un’immagine o a una raffigurazione nella vostra mente. Questo vi aiuterà a ricordarvi il significato delle parole. Non è necessario disegnare l’immagine, basta crearla nella vostra testa.

August2015-Trulia-How-to-Review-a-Seller-Disclosure-Report-woman-looking-at-ipad

 

È anche importante non cercare di imparare più di 7-10 nuove parole al giorno. In generale è meglio avere come obiettivo 5-6 parole al giorno per immagazzinarle in modo più efficace. Questo, ovviamente, dipende anche da quanto tempo avete al giorno per studiare i vocaboli.

 

3. Leggete qualsiasi cosa vi interessi

Scegliete qualcosa che volete leggere nella lingua che state studiando. Mentre leggete sottolineate le parole che non capite. In seguito scrivetele utilizzandole in delle frasi, in questo modo potete vedere come le parole si adattano in una frase. Ripetete le parole finché non vi sentite a vostro agio ad usarle.

4. Assicuratevi di imparare nuove forme delle nuove parole

Alcune parole hanno molte forme diverse, come silenzioso (aggettivo), silenziosamente (avverbio) e il silenzio (sostantivo). Fate pratica formando delle frasi con le diverse forme di queste parole e cercate di usare quante più forme possibili nella stessa frase.

Un buon metodo di unire questa pratica con l’apprendimento della grammatica è di pensare a ogni parola e identificare quale parte del discorso rappresenta. È un sostantivo, un aggettivo o un avverbio? Può aiutarvi a capire come queste differenti parti del discorso sono formate. Ad esempio, potete formare un avverbio aggiungendo -mente al sostantivo.

 

Esempio: la noia  è un sostantivo, noiosamente è un avverbio, e noioso è un aggettivo. Usateli in una frase.

 

5. Ascoltate attentamente tutte le conversazioni

Che si tratti dell’attualità, di un film o di una lezione di letteratura, fate attenzione a quello che viene detto! Prendete nota delle parole che non capite.

tumblr_mb2hz9qIRl1qzds02o1_r2_500

 

6. Tenete sempre un dizionario a portata di mano

Quando trovate una parola non familiare, controllate nel dizionario per avere una spiegazione. Qualsiasi nuova parola sentiate o leggiate, evidenziatele nel dizionario. Scrivete le parole che avete imparato in una tabella  e ponetevi degli obiettivi giornalieri, settimanali, mensili e annuali.

Quanto raggiungete il vostro primo obiettivo – e anche per i successivi – fatevi un regalo! Uscite e festeggiate, perché state riuscendo nel vostro obiettivo: imparare una lingua!

Grazie per aver letto l’articolo.

Se avete trovato l’articolo utile o se avete delle domande, potete cliccare “mi piace” o lasciate un commento.

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*