Liberty a Milano

Milano è molto più di una città alla moda. È un mix di stili architettonici che la rendono irresistibile agli appassionati d’arte.
Lo stile artistico chiamato Art Nouveau fu molto popolare dalla fine del diciannovesimo secolo fino all’inizio del ventesimo. Questo stile, in Italia, prese il nome di Stile Floreale finché il termine Liberty divenne il nome ufficiale in onore di un negozio londinese il cui proprietario era Arthur Liberty, un commerciante inglese di prodotti orientali.
Milan is much more than just a fashionable city.

Its unique mix of architectural styles makes it irresistible for art lovers.

The style of art named Art Nouveau was most popular from the end of the 19th century to the beginning of the 20th. The original Italian designation was Stile Floreale (Floral style) until Liberty was adopted as its official name after the name of a shop in London owned by Arthur Liberty, an English dealer of oriental goods.Vorremmo descrivermi alcuni dei più meravigliosi esempi del periodo Liberty a Milano.

We would like to tell you about some of the most joyous episodes of Milan’s Liberty period.
casa galimberti

 

Una delle più importanti rappresentazioni di questo stile architettonico è Palazzo Castiglioni, l’edificio all’angolo fra Via Dante e Via Meravigli. Un lavoro di Mengoni e Giuseppe Sommaruga, l’architetto più famoso di Milano. L’edificio richiama l’architettura parigina per l’abbondanza delle decorazioni floreali. Il capolavoro di Sommaruga è attualmente utilizzato come sede dell’Unione Commercianti di Milano. La creazione presenta un ricco uso delle decorazioni in tutti i suoi elementi architettonici. Le due statue, rappresentanti l’Industria e la Pace, furono rimosse dopo la cerimonia d’inaugurazione a causa dello scandalo provocato dai loro corpi femminili formosi e nudi

One of the most important expression of this style of architecture is Palazzo Castiglioni, the building on the corner between Via Dante and Via Meravigli, a work of Mengoni and Giuseppe Sommaruga, the most famous architect of Milan.  The building reminds of the Parisian architecture for the profusion of the floral decorations. The Sommaruga’s masterpiece is currently used as the seat of the Unione Commercianti di Milano (Trader’s Union of Milan). The establishment features a rich use of decoration in all of its architectural elements. The two statues, depicting Industry and Peace, were removed a few days after the opening ceremony because of a big scandal due to their displaying of curvaceous naked female figures.

palazzo castiglioni

Nel quartiere di Porta Venezia, si trova la magnifica Casa Galimberti. Costruito nel 1905 dall’architetto Bossi, questo edificio spicca per merito delle sue magnifiche piastrelle in ceramica, che ricoprono la casa, le decorazioni in ferro battuto e i davanzali.In the Porta Venezia area, there is the magnificent Casa Galimberti. Built in 1905 by architect Bossi, this edifice stands out thanks to its beautiful painted ceramic tiles, which cover the house, the stone corbels and the ledges.

casa_galimberti

Vicino a casa Galimberti, è possibile ammirare casa Hahn, costruita nel 1912, un esempio perfetto della casa di un gentiluomo con le sue meticolose decorazioni. La casa è famosa per l’utilizzo di pavoni per decorare le finestre dell’ultimo piano e per le decorazioni floreali in legno e le vetrate. In quest’area si trova anche l’ex cinema Dumont. Costruito nel 1910, con la sua facciata floreale in pieno stile Liberty, questo affascinante edificio è ora una biblioteca (la Biblioteca Venezia).Near Casa Galimberti you can admire casa Hahn, built in 1912, a perfect example of a gentleman’s town house with its meticulous decorations. The house is famous for the use of peacocks to adorn the top floor’s windows and for its abstract floral wood work and stain glasses.In this area we also have ex-cinema Dumont. Built in 1910, with its Liberty façade of flowers and foliage, this charming building is now a library (Biblioteca Venezia).

Nel quartiere di Porta Romana, all’angolo fra via Piacenza e via Pesseroni, si trova casa Sartorio, 1909, opera dell’architetto Provasi. Questa costruzione è degna di nota per l’abilità dell’architetto nel trarre vantaggio dal poco spazio creando una soluzione angolare con bow window (balconi chiusi a forma di edicola) all’ultimo piano e balconi floreali con ovvi richiami all’edificio Horta in Bruxelles. Dunque, la prossima volta che visitate Milano, cogliete l’occasione di esplorare il suo nascosto, ma abbondante, patrimonio architettonico e di scoprire i capolavori del Liberty milanese.

In Porta Romana district, on the corner between via Piacenza and via Pesseroni, there is casa Sartorio, 1909, work of the architect Provasi. This construction is remarkable for the ability of the architect to take advantage of the scarce space, creating an angular solution with bow window on the top floor and a floral balcony which glaringly recalls Horta’s buildings in Bruxelles. So next time you visit Milan take the chance to explore his hidden but abundant architectural heritage and discover Italian’s Liberty masterpieces.

navigli milano

 

Comments

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*